AKLab.org

Since 2006

Arcade Italia – L’Evento 2016: MERAVIGLIOSO

4 settembre 2016: "ArcadeItalia L'evento", questa volta sono riuscito ad andare! Ed è stato meraviglioso.

E' stato meraviglioso fare un balzo di 20 anni nel passato con mio fratello, ritrovarci a battagliare a Street Fighter, ad aiutarci in Metal Slug e a incazzarci per un "piombo" al flipper della Famiglia Addams. E' stato meraviglioso vedere così tanti nostalgici raccontare i propri aneddoti del proprio passato in sala giochi ed è stato meraviglioso vedere l'impegno che i ragazzi di Arcade Italia e di Pedretti Gaming hanno messo per far si che questa due giorni fosse un qualcosa di meraviglioso.

 

 

Lo so: ho ripetuto "meraviglioso" tantissime volte. Ma credetemi: è la parola che secondo me più descrive le ore che ho passato trai cabinati. Ore nelle quali riaffioravano ricordi e nostalgia per un passatamento innocente che ora è relegato a qualche angolo di un circolo di periferia o nel migliore dei casi nella taverna di un nostalgico.

Perchè è inutile nascondersi dietro ad un dito: ormai le slot (le cosiddette macchinette) hanno sostituito con il loro tintinnio il suono dei tasti di un cabinato e della biglia di un flipper trasformando le urla gioiose di un bambino nelle bestemmie di un giocatore d'azzardo. Riassaporare quei suoni e quell'atmosfera è stato meraviglioso.

Ed è stato meraviglioso vedere i cosiddetti nativi digitali giocare alle nostre vecchie glorie. Nei loro occhi sembrava stessero godendo del video game più bello di sempre. E invece quei tre bambini stavano giocando a "Super Sprint", un gioco dalla grafica imbarazzante se confrontato a quelli di oggi. La sua semplicità contrapposta alla complessità dei giochi di auto moderni sembrava essere un valore aggiunto per quei piccoli giocatori che giravano furiosi il volante e davano secchi al pedale del gas. Furiosi, ovviamente, nel senso più ingenuo del termine: parlo di quella "furia agonistica" che ti sale mentre stai sfidando il tuo amico davanti a quello schermo. Quella furia che non uccide ma che aiuta a creare legami ancora più forti con il compagno di giochi che stai sfidando. Quei legami che le partite online non ti sapranno mai dare. Sono felice che questi bambini abbiano potuto apprezzare il contatto fisico del giocare gomito a gomito condividendo quei pochi centimetri di plancia.

60 cabinati e 30 flipper per soddisfare la malinconia di ogni trentenne. 90 macchine in freeplay per consentire a tutti di poter tornare ragazzini. Per far scendere la lacrimuccia mancava solo una cosa: un bancone dove dire quella frase magica, anzi, LA FRASE: "me li cambia in gettoni?"

Sorvolando questo dettaglio "emotivo" vorrei solo rinnovare i miei complimenti allo staff di Arcade Italia e di Pedretti: grazie per questa due giorni di nostalgia e divertimento. Grazie per l'impegno che avete messo per regalarci queste ore di divertimento e di informazione attraverso i workshop. Grazie a chi si è occupato dell'angolo bar e al ragazzo che vendeva gadget al piano terra: onesto, cortese e preparato.
UPDATE: il ragazzo era Marcello, il fondatore de "La Baya – Retromercatino"- Mi scuso per non averlo citato correttamente ma era una informazione che mi mancava e che ho recuperato questa mattina =)

E lo ripeto ancora una volta: un evento meraviglioso! Ci vediamo il prossimo anno!

 

QR Code - Take this post Mobile!

Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

Alek

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia. Dall'uscita degli smartphone non ha più potuto farne a meno. Attualmente follemente innamorato di Android e dei dispositivi Pure Google Experience

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterGoogle Plus

, , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: