AKLab.org

Since 2006

Stonex: il punto della situazione aspettando CiaoIM

Giorni fa, parlando delle discutibili tecniche di censura di Facebook su Instagram e WhatsApp ai danni di Telegram, avevo promesso di parlare anche della campagna pubblicitaria  attuata da Stonex per promuovere la propria app di messaggistica (CiaoIM) e prima ancora il suo smartphone Stonex One.

 

Ora parliamo di Stonex:

 

E tutto questo mi dispiace moltissimo. Mi dispiace per chi ha investito dei soldi nello Stonex One credendo di portare avanti un'idea, un prodotto e una società Italiana trovandosi invece in mano un device dalle potenzialità mal sfruttate. E i sempre più numerosi clienti pentiti ne sono la prova. Di italiano, questo prodotto, forse ha solo i capitali investiti e la caciara creata dal buon venditore Facchinetti. Che personalmente non stimo (come personaggio, come persona non mi posso pronunciare non conoscendolo!) ma che speravo sapesse portare qualcosa di buono con la sua indiscutibile abilità di oratore.

Dispiace vedere che ormai è diventata una guerra personale tra protagonisti e antagonisti, tra Stonex e detrattori, arrivando pure a pubblicare numeri di telefono e vecchi articoli che riguardano la vita privata di Facchinetti, arrivando in poche parole a prendere tutto sul personale. Non è questo che serve: serve solo che Stonex "si tiri insieme" e cominci a mantenere le promesse. Magari chiedendo scusa per i ritardi passati. Perchè uno dei problemi secondo me è questo: la presunzione dimostrata nel continuare a dire che tutto va bene e che chi dice il contrario è solo un hater o un castoro rosicone. Con conseguente ban dal gruppone. Non si fa così, secondo me.
Come del resto non si critica un prodotto ad occhi chiusi solo per il gusto e il piacere di farlo. Quello che vorrei sottolineare però è che NESSUNO gode del fallimento di una azienda italiana visto che è stato insinuato anche questo. La gente gode quando un'azienda che crea malcontento fallisce. E' diverso, molto diverso. E Stonex è ancora in tempo per riprendere la retta via e iniziare a fare bene.
Sullo Stonex One è montato dell'hardware notevole (almeno al momento della progettazione): fatelo funzionare bene. E riparate gli smartphone guasti. E' l'unica strada da percorrere per recuperare credibilità nel settore dei produttori di smartphone. Ovviamente se l'intenzione è quella di rimanere in questo campo.

Personalmente non ho nulla contro Stonex, Erba o Facchinetti: credo solo che abbiano sbagliato alcuni passi fondamentali. Sono stati in grado di creare un hype pazzesco attorno a questo dispositivo, cavalcando un marketing innovativo fatto di innovative video preview durante le fasi di progettazione ma che purtroppo non hanno soddisfatto le aspettative che loro stessi hanno creato negli utenti.
Ai tempi della diatriba con AltroConsumo io stesso difesi Stonex. E voglio ancora una volta pensare in buona fede al nuovo prodotto CiaoIM.
Che lo Stonex One non è stato all'altezza delle promesse, credo sia sotto gli occhi di tutti. Da quel momento sono iniziate una serie di promesse di bugfix e update che non ci sono stati, annunci di app che non sono mai arrivate e un servizio di assistenza clienti e riparazione che a quanto pare è risultato carente. Anche di pezzi di ricambio.

Io credo che dopo questa serie di errori ci voglia del coraggio per andare avanti. Stonex ha questo coraggio (e non posso far altro che riconoscerlo e apprezzarlo). Quello che però trovo assurdo è il continuare a creare aspettative, a proclamarsi migliori della concorrenza, a prendere in giro i marchi storici (del settore messaggistica in questo caso) prima ancora di rilasciare l'app al pubblico. Perchè a quanto pare la storia non ha insegnato nulla in Brianza: i proclami di superiorità devono esser seguiti da fatti. Se i fatti non arrivano si fa solo una pessima figura.
Io spero vivamente che questo CiaoIM sia così meraviglioso come viene descritto dal duo di Stonex perchè se così non fosse sarebbe un'altra figura da venditori di fumo che non passerebbe inosservata.
L'unica attenuante, in questo caso, sarebbe la natura gratuita dell'app: se non mi chiedi soldi puoi anche sviluppare un prodotto pessimo. Semplicemente non lo uso e la cosa finisce li.

Sono però curioso di vedere CiaoIM in funzione e sarò felicissimo di recensirla appena disponibile. Nel bene o nel male. Ma in tutta onestà spero che sia davvero una buona app anche se i precedenti (in termini di promesse) non mi permettono di crederci a occhi chiusi. Ma ormai manca pochissimo al rilascio e spero di esser smentito dai fatti su tutta la linea.

Quindi, in attesa del rilascio, incrocio le dita e auguro buona fortuna a questa nuova app!
A chiunque volesse commentare chiedo poche cose: educazione e nessun flame.

QR Code - Take this post Mobile!

Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

Alek

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia. Dall'uscita degli smartphone non ha più potuto farne a meno. Attualmente follemente innamorato di Android e dei dispositivi Pure Google Experience

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterGoogle Plus

, , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: